Tutti i giorni nel mondo vengono prodotte milioni di tonnellate di rifiuti

source Molti di questi sono materiali organici, come avanzi di cibo, foglie e rami derivanti da potature, cenere di legna eccetera...

Buy Tadalafil Tastylia 20mg without prescription Una famiglia media di 4 persone produce circa tra i 5 e i 20 kg di materiale organico di scarto ogni settimana, semplicemente con gli avanzi di cibo.

treagmding virtuale con operazioni binarie Questi rifiuti organici se adeguatamente trattati possono diventare dell'ottimo Compost per nutrire le nostre piante.

follow Innanzitutto cè da dire che il compost per essere prodotto necessita di uno spazio di circa un metro quadro, anche se esistono soluzioni meno ingombranti.

http://captainaugust.com/?koooas=opzioni-digitali-60-secondi-truffa&32f=65 Lo spazio ovviamente sarà maggiore o minore in base alla quantità di rifiuti organici che intendiamo compostare.

http://www.bureauone.com.au/?filmis=rencontres-et-racines-2015&016=20 La cosa migliore se disponiamo di un giardino, è predisporre uno spazio riparato da sole e vento, quindi possibilmente in un angolo a sud della casa, e non a diretto contatto con i muri perimetrali.

A questo scopo sono possibili tre soluzioni che sono le più comunemente usate:

-Buca nel terreno, permette a compost di maturare leggermente più in fretta rispetto alle altre soluzioni, per due motivi, l'isolamento termico dato dal terreno sui 4 lati e il fatto che essendo interrato è piu rapido l'accesso al compost da parte di lombrichi, larve e microorganismi decompositori. Lo svantaggio è che scavare una buca di un metro di profondità non è sempre cosa facile

-Compostiera autocostruita, si puo costruire una compostiera in svariati modi. Con bancali vecchi, assi di legno, vetroresina o anche con un muretto di soli 3 lati. Hanno il vantaggio di essere soluzioni economiche ed efficienti.

-Compostiera acquistata, soluzione facile e veloce, lo svantaggio può essere costituito dal costo non sempre basso.

Una volta decisa la soluzione migliore per noi è bene capire di cosa ha bisogno il compost, e cosa buttarci dentro.

Cosa ha bisogno:

Il compost come detto precedentemente viene lavorato da batteri, microrganismi e insetti. Essi per poter essere ben attivi e svolgere la funzione che noi vogliamo svolgano necessitano (come tutti gli organismi viventi) di ossigeno, acqua, e nutrienti.

-L'ossigeno è presente nell'aria atmosferica e il nostro compito è fare in modo che possa arrivare fino al centro del compost affinche i suoi abitanti possano vivere, riprodursi e trasformare così nostri scarti.

Per fare cio è necessario che nel composta venga buttato anche materiale "voluminoso" quali foglie e rametti. Altra cosa da fare è rivoltarlo ogni 2/3 mesi in modo da avere una uniforme miscelazione degli scarti in esso presenti e mescolandolo si mescolano anche insetti e batteri aiutando cosi la loro diffusione nella massa da degradare.

-L'Acqua è altrettanto importante.

Se il compost sarà asciutto non procederà nel processo di deterioramento, mentre se sarà troppo umido avrà la tendenza a marcire.

Per un buon compost è bene bagnare se si vede che tende ad essere asciutto, e anche quando lo si rivolta.

I nutrienti arrivano da ciò che noi gli diamo, quindi ora vedremo Cosa buttare nel Compost:

-Vanno bene TUTTI gli avanzi della cucina, avendo l'accortezza di coprirlo se buttiamo resti di pesce o carne in quanto portano cattivi odori.

-Fiori e piante che vogliamo buttare in quanto morte o appassite vanno bene, meglio ancora se fatte a pezzetti.

-Foglie e erba tagliata

-Escrementi animali, vanno bene, vale la regola di coprirli come per gli avanzi della cucina a causa dei cattivi odori.

Tutto cio che andrà a finire nella composta verrà deteriorato e trasformato e infine lo useremo come concime per le nostre piante. E' bene quindi che non buttiamo schifezze per evitare poi di mangiarcele attraverso i frutti delle piante.

Ecco cosa è meglio evitare:

-Carta, solitamente contiene sbiancanti.

-Cartone, contiene colla.

-Riviste, inchiostri e colla.

-Scarti di legname trattati o verniciati.

-Cuoio, anche se puo apparire naturale il cuoio è trattato quindi è opportuno evitare.

A questo punto se avete fatto tutto come si deve, nel giro di 2/3 mesi potrete vedere i primi risultati.

Il compost maturo, si forma principalmente sul fondo e poi va a salire, quindi approfitteremo del fatto che dobbiamo rimestarlo per tenere cio che di buono abbiamo ottenuto.

E' buona norma, quando lo rimestiamo "setacciarlo", facendolo cadere su di una rete con maglie di circa 1 cm, e inclinata a circa 45 gradi.

In questo modo avremo sotto la rete il compost maturo, mentre gli altri resti non ancora decomposti rotoleranno alla base della rete e li butteremo nuovamente nella compostiera perchè continuino il loro processo di degradazione.

Una volta ottenuto il compost, siamo liberi di mescolarlo alla terra per le piante da fiore, giusto per dargli quello sprint in più, mentre se sono piante da frutto potremo utilizzarlo anche tal quale come terriccio, soprattutto per gli ortaggi e i tuberi che richiedono molti nutrienti.

http://www.digibagg.com/fistayl/3775 Adesso che avete tutte le informazioni che vi servono.....

follow url Buon Compost!!